Sabato 24 aprile, l’Associazione Go’el di Fuscaldo (CS), ha avuto l’onore di ospitare, una delle personalità più emblematiche del meridione d’Italia: Pino Aprile, intervenuto per presentare il suo nuovo progetto di sviluppo economico-territoriale Sud 2.0.

Un milione di euro per realizzare degli incubatori dai quali far nascere Start-up innovative che operano esclusivamente nel territorio del sud Italia con l’obiettivo di accrescere l’economia e generare occupazione giovanile. I mentori del progetto Sud 2.0, Pino Aprile saggista di successo e Agostino De Luca ingegnere gestionale, selezioneranno delle idee innovative che verranno finanziate per intero. Ogni idea verrà sostenuta economicamente nella parte gestionale e burocratica, inoltre ogni giovane startupper sarà affiancato da un tutor che lo accompagnerà fino all’avvio dell’impresa, mentre la restante parte del budget verrà messa a disposizione del giovane al fine di sostenerlo nello sviluppo dell’attività. Ai beneficiari di questo finanziamento verrà chiesto di stipulare un contratto col quale s’impegneranno a non spostare l’azienda dal luogo in cui nasce e a non cedere l’azienda, il tutto per almeno 5 anni.

sud 2.0

Le realtà che nasceranno grazie a questo straordinario progetto, s’intrecceranno attraverso azioni di collaborazione ed avranno come perno la società Sud 2.0, che terrà unite le trame di questa grande rete generando un’economia di sviluppo nel territorio meridionale.

Una bellissima opportunità e soprattutto un’occasione concreta per tutti quei ragazzi del sud che hanno deciso di “resistere” e lottare quotidianamente per rimanere nella propria terra. Non a caso l’evento di presentazione del progetto Sud 2.0 si è svolto a Fuscaldo, presso la sede di “Go’el”, un’associazione che da più di vent’anni opera sul territorio a sostegno dei giovani attraverso azioni di educazione, formazione, occupazione ed imprenditorialità: come la nascita della Cooperativa Sociale (di tipo B) “Il Segno” impegnata in attività di agricoltura biologica, nella rigenerazione della dismessa Stazione Ferroviaria di Fuscaldo che diventa un laboratorio di trasformazione agroalimentare; numerosi progetti di sviluppo territoriale come Green Hub, un incubatore di idee ed azioni sulla nuova ruralità e l’innovazione sociale.

Basta aspettare, basta chiedere! È ora di diventare artefici del nostro destino!